Valpolicella – Zymè

Valpolicella – Zymè

Valpolicella – Zymè

 

Guarda il video della nostra recensione.

Dire Valpolicella è un po’ come dire ‘gelato al fiordilatte’: il gusto più semplice e meno elaborato di tutti: la base.

E come ogni base, è sia il punto di partenza di un cammino sia il porto sicuro dove rifugiarsi dopo lunghi viaggi: potrebbe essere il primo vino da cui cominciare una cena o un percorso di degustazione oppure il sapore noto e familiare a cui tornare ogni tanto per ricaricare le pile.

Si ottiene con il metodo di vinificazione più semplice: uve mature raccolte a mano, pigiate e lasciate macerare e poi a fermentare per qualche settimana. Un breve riposo in botte di acciaio o legno e in pochi mesi il vino è pronto per la bottiglia: colore chiaro, alcol moderato, fresco e poco astringente.

Questo Valpolicella Zyme profuma subito di fragola e di ciliegia e come per magia, in pochi istanti, fa spuntare sorrisi.

Poi profumi balsamici, di eucalipto ma anche di arancia rossa e l’energia gioiosa di quel rosso rubino si fa inarrestabile. Velocemente la mano porta il bicchiere alla bocca: prugna e di nuovo ciliegia. E’ il ritorno a casa: forti abbracci, risate e occhi lucidi. Nessuna astringenza e un gusto lungo, lunghissimo che quasi non vorresti lasciar andare.

About Alessandra Brusegan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *